Condizioni generali di contratto

dell’azienda KYMA Controls s.r.l., di seguito abbreviata “KYMA”

1. Campo di applicazione

1.1 Le condizioni riportate di seguito valgono come riconosciute e vincolanti per il cliente dal momento di impartizione dell’ordine. Eventuali condizioni differenti del cliente necessitano di conferma scritta per essere riconosciute valide. Ciò vale anche nel caso in cui il cliente accetta forniture/servizi da parte nostra.

2. Offerte

2.1 Le offerte di KYMA hanno una valenza senza impegno. Possiamo ritirare eventuali offerte fino al momento della stipula del contratto senza dover fornire giustificazioni.

3. Conferma d‘ordine

3.1 Una volta effettuati, gli ordini sono vincolanti per l‘acquirente; tale carattere vincolante vale per noi solo dopo conferma scritta. Eventuali conferme o disdette da parte della nostra ditta fornitrice rimangono tuttavia riservate. Qualora l’acquirente receda dal contratto di compravendita, è prevista una penalità pari al 20% dell’importo dell’ordine.

3.2 Tale penalità è da corrispondere anche qualora l’acquirente non possa adempiere al contratto senza colpa da parte sua.

4. Dimensioni, peso e bontà

4.1 È compito del cliente informarsi in merito a dimensioni, entità e qualità dei prodotti forniti da KYMA.

4.2 Non siamo in nessun modo tenuti a informarci in merito alla destinazione d’uso del prodotto ordinatoci prevista dal cliente. Anche qualora il cliente abbia constatato una determinata qualità del prodotto da noi fornito, non siamo tenuti a diffidare il cliente dall’utilizzo previsto del prodotto, se questo ci era noto

4.3 Il cliente è tenuto a definire senza esplicita richiesta l’entità dei prodotti da fornire nella misura in cui sia garantito un trasporto ineccepibile lungo il percorso previsto, così come un eventuale montaggio nel punto previsto. Qualora il cliente non definisca tale entità, non possiamo essere chiamati a rispondere della responsabilità per eventuali conseguenti svantaggi.

5. Conclusione del contratto

5.1 Il contratto ha validità solo dopo conferma scritta o verbale dell‘azienda KYMA.

6. Prezzi

6.1 Tutti i prezzi indicati da parte nostra sono da intendersi al netto (IVA esclusa) e senza deduzioni. Hanno validità franco fabbrica ovvero magazzino di KYMA e non comprendono l‘imballo, il carico, il trasporto, lo scarico e lo spostamento della fornitura, così come un’eventuale assicurazione di trasporto. Se non altrimenti concordato, i servizi citati da ultimo vengono sempre messi in conto separatamente, a meno che non vengano prestati dal cliente stesso.

Qualora al trasporto o alla fornitura siano connesse tasse, imposte, tasse doganali o tributi di altro tipo, tali spese, così come eventuali commissioni di gestione, sono a carico del cliente. Le confezioni multiuso sono da riconsegnare senza esplicita richiesta. In caso di perdita o danneggiamento è responsabile il cliente.

6.2 Qualora KYMA abbia incluso più servizi o forniture all’interno di un’unica offerta e il cliente effettui un’ordinazione che si discosta dall’offerta sottoposta, siamo autorizzati ad apportare un’adeguata modifica del prezzo, che potrebbe eliminare soprattutto sconti sulla quantità o ribassi di altro genere.

6.3 In caso di ordini senza accordo esplicito sul prezzo, vengono applicati i prezzi del giorno della consegna.

6.4 I prezzi definiti porto franco presuppongono una circolazione aperta, senza impedimenti e sicura sulle vie di accesso. L’acquirente è tenuto a predisporre sufficienti possibilità di accesso per i nostri camion. I veicoli di consegna devono essere scaricati tempestivamente. Eventuali noli „vuoto per pieno“ o danneggiamenti risultanti da una di queste cause, in particolare da un ritardo di scarico, sono a carico del cliente.

7. Fornitura

7.1 Le indicazioni fatte da parte nostra in merito a termini di consegna o termini di ultimazione sono sempre non vincolanti. Termini di consegna e ultimazione fissi possono essere confermati da parte nostra solo in casi eccezionali e richiedono un accordo scritto separato. Qualora un tale accordo non venga mantenuto, non possiamo in nessun modo essere chiamati a rispondere del superamento del termine di consegna o ultimazione prospettato dal cliente.

7.2 Qualora venga confermato da parte nostra per iscritto un termine di consegna o ultimazione fisso, tenere conto di quanto segue:

7.2.1 Il termine comincia con il momento che si presenta più tardi tra i seguenti:

  • Data della conferma dell’ordine;

  • Data del completamento delle premesse tecniche, commerciali o di altro tipo da parte del cliente;

  • Data in cui perviene l’acconto o la garanzia da parte del cliente prima dell’esecuzione della fornitura/del servizio.

7.2.2 Autorizzazioni amministrative o autorizzazioni da parte di terzi necessarie per l’adempimento del contratto sono, se non altrimenti concordato, da ottenere dal cliente. Qualora tali autorizzazioni non vengano rilasciate per tempo, la data di consegna si posticipa di conseguenza.

7.2.3 Il termine di consegna o ultimazione concordato va rispettato fatto salvo il subentrare di circostanze imprevedibili o indipendenti dalla nostra volontà, ad esempio tutti i casi di forza maggiore o ritardi dovuti ad atti di guerra, interventi e divieti amministrativi, ritardi di trasporto e sdoganamento, danni risultanti dal trasporto, mancanza di energia e materie prime, oltre che a conflitti di lavoro e simili. Le circostanze citate autorizzano a prolungare il termine di consegna o ultimazione, qualora si verifichino presso ditte fornitrici di KSW oppure nel trasporto. In caso di proroga del termine di consegna e ultimazione per i motivi citati, il cliente non è autorizzato a recedere dal contratto o a richiedere il risarcimento die danni o esercitare rivendicazioni di altro tipo.

7.3 Qualora non sia possibile effettuare la spedizione della merce predisposta a tale scopo per via di circostanze legate al cliente o qualora il cliente non desideri tale spedizione, KYMA può, a proprio giudizio, provvedere all’immagazzinamento della merce a carico del cliente, cosa che rende avvenuta la fornitura. Ciò non comporta nessuna modifica per le condizioni di pagamento concordate. Il rischio passa al cliente al momento dell’immagazzinamento.

7.4 Anche qualora abbiamo concordato con il cliente un termine di consegna o ultimazione fisso secondo il punto 7.1 delle presenti condizioni, il diritto del cliente in caso di ritardo nella consegna a nostro carico si limita esclusivamente al recesso dalla parte non adempiuta del contratto in seguito al decorso infruttuoso di un nuovo termine adeguato assegnato dal cliente. Tale diritto di recesso decade, qualora la merce sia pronta per la spedizione al momento della scadenza del nuovo termine. Anche in questo caso non è possibile rifiutare eventuali consegne parziali. In quel caso è escluso il risarcimento dei danni per via del ritardo nella consegna.

8. Adempimento e passaggio del rischio

8.1 Il luogo dell’adempimento delle forniture/dei servizi è la fabbrica ovvero il magazzino di KYMA. La fruizione e il rischio passano al cliente al più tardi con il trasporto dell’oggetto della fornitura oltre la fabbrica ovvero il magazzino di KYMA, indipendentemente della fissazione del prezzo concordata per la fornitura (ad es. franco partenza, costo assicurazione e nolo, ecc.). Anche nel caso di forniture franco destino, ciò avviene sempre a rischio del cliente, e precisamente franco fabbrica ovvero magazzino di KYMA e in linea di principio senza assicurazione; ciò vale a prescindere che la fornitura venga effettuata con un veicolo nostro o terzo o che il trasporto venga eseguito, organizzato o guidato da parte nostra o da terzi.

8.2 Eventuali prove di accettazione concordate separatamente non intaccano le disposizioni relative al luogo dell’adempimento e al passaggio del rischio.

9. Pagamento

9.1 Se non diversamente concordato, le nostre fatture devono essere saldate al netto entro 14 giorni.

9.2 In caso di fatture parziali, i relativi pagamenti parziali sono da corrispondere su ricezione della fattura. Ciò vale anche per le forniture successive. In questi casi non sono determinanti le condizioni di pagamento concordate per la fornitura principale.

9.3 In caso di decorso del termine di pagamento subentra il ritardo di pagamento senza necessità di costituzione in mora. Si applicheranno gli interessi legali di mora nella misura prevista dall’art. 5 del decreto legislativo nr. 231/2002 dal giorno successivo alla data di scadenza del pagamento.

9.4 Il cliente non è autorizzato a trattenere pagamenti per via di richieste di garanzia. È esclusa la compensazione con domande riconvenzionali.

9.5 Qualora il cliente incorra in ritardo con il pagamento o un servizio di altro tipo oppure qualora subentrino circostanze che diano adito a dubbi sull’affidabilità creditizia del cliente, siamo autorizzati a:

  • esigere immediatamente tutti i nostri crediti a mezzo raccomandata;

  • recedere da tutti i contratti di fornitura in sospeso e a richiedere il risarcimento dei danni per inadempienza;

10. Riserva della proprietà

10.1 La merce rimane di nostra proprietà fino al pagamento completo, compresi tutti i relativi interessi e tasse di ingiunzione di pagamento, spese per cause e costi esecutivi.

10.2 Fino a compiuto pagamento di tutte le fatture, il cliente è tenuto a considerare tutta la merce da noi fornita, in forma grezza, lavorata, o trasformata, di nostra proprietà, ad assicurarla in misura sufficiente e a conservarla con cura.

10.3 Il cliente non è autorizzato a pignorare la merce fornita sotto riserva di proprietà né a volturarla a scopo di garanzia.

11. Garanzia

11.1 Qualora figuriamo in qualità di rivenditori, concediamo una garanzia solo sulla base dell’ambito di responsabilità della fabbrica fornitrice.

11.2 Qualsiasi garanzia si estingue qualora i nostri prodotti siano stati modificati in seguito a lavorazione o trasformazione e il difetto risulti causato da tale modifica. Inoltre, si estingue qualora il cliente non rispetti le nostre prescrizioni o le prescrizioni del produttore in merito all’utilizzo della cosa.

11.3 In caso di garanzia KYMA può richiedere la restituzione della merce difettosa anche a scopo di riparazione. Le istruzioni date al cliente nel corso delle prestazioni di garanzia devono essere assolutamente osservate, in caso contrario non possiamo essere chiamati a rispondere per eventuali danni.

11.4 In caso di interventi in garanzia presso il cliente, quest’ultimo è tenuto a mettere a disposizione assistenti, dispositivi di sollevamento, impalcature e minuteria ecc. gratuitamente. Qualora nel corso della prestazione di garanzia vengano sostituiti dei pezzi a titolo gratuito, i pezzi che sono stati smontati sono di proprietà di KYMA. Le richieste di garanzia riguardano esclusivamente il materiale.

11.5 Qualora qualcosa venga realizzata da parte nostra sulla base di dati costruttivi, disegni, modelli o specifiche di altro tipo del cliente, la responsabilità riguarda solo l’avvenuta esecuzione del lavoro come da specifica.

11.6 Qualora venga riconosciuto un reclamo, riprendiamo la merce reclamata o prestiamo una riparazione. È a nostra discrezione decidere se effettuare una fornitura sostitutiva o prestare un accredito. Sono escluse ulteriori richieste di garanzia o di risarcimento dei danni, a meno che non siano rese obbligatorie da disposizioni di legge.

11.7 Su tutti i prodotti da noi forniti, in tutte le quantità, dimensioni, forme e modelli, si applicano i comuni margini di gioco. Piccoli, e di per sé innocui difetti, quali fessure, ruggine incipiente, ruggine bianca e simili, non giustificano eventuali reclami. L’utilizzo di merce da noi definita come materiale declassato (la cosiddetta merce IIa), esclude qualsiasi richiesta di garanzia. Tale merce viene venduta e accettata „come vista“.

11.8 Il periodo di garanzia che si applica alle imprese è di 12 mesi dal momento della messa in funzione o della consegna. Per i clienti privati valgono le disposizioni previste dalla Legge per la tutela dei consumatori.

11.9 I pezzi naturalmente soggetti a usura per via dell’utilizzo sono esclusi dalla garanzia e non possono essere reclamati.

12. Recesso dal contratto

12.1 Perché il cliente possa recedere dal contratto è necessario che subentri un ritardo nella consegna dovuto a KYMA, così come il decorso infruttuoso del termine assegnato dal cliente. Il nuovo termine deve essere precisamente fissato dal cliente; non è sufficiente l’attesa o la concessione della proroga.

12.2 Siamo autorizzati a recedere dal contratto, qualora il cliente non abbia rispettato le condizioni di pagamento da noi stabilite o qualora siano sorti dubbi in merito all’affidabilità creditizia del cliente e quest’ultimo non presti pagamento anticipato come richiesto da KYMA né presenti prima della fornitura o del servizio una garanzia idonea ad avviso di KYMA.

12.3 Salvo eventuali richieste di risarcimento dei danni, in caso di recesso di KYMA i servizi interi o parziali già prestati devono essere addebitati come da contratto e corrisposti da parte del cliente. Ciò vale anche qualora il cliente non abbia ancora preso in consegna la fornitura/il servizio, e per gli atti preparatori effettuati da parte nostra. In ogni caso siamo anche autorizzati a esigere l’accantonamento degli oggetti già forniti.

13. Responsabilità

13.1 Rispondiamo dei danni verificatisi al di fuori del campo di applicazione della legge sulla responsabilità per danno da prodotti solo qualora possa essere dimostrata premeditazione o grave negligenza da parte nostra. La responsabilità menzionata ha validità nell’ambito delle prescrizioni di legge. È esclusa anche la responsabilità per lieve negligenza, così come il risarcimento per danni indiretti, danni patrimoniali puri, danni causati da terzi, risparmi non ottenuti, perdite di interessi o per i danni fatti valere da terzi contro il cliente.

13.2 Qualora il diritto di garanzia si sia estinto secondo le condizioni contenute al punto 11, si estingue anche qualsiasi diritto di risarcimento dei danni.

14. Diritti di tutela di legge e diritti d’autore

14.1 I documenti per l‘esecuzione, ad esempio progetti, disegni e altri documenti tecnici, così come campioni, cataloghi, opuscoli e illustrazioni, sono sempre soggetti alla proprietà intellettuale e sono soggetti alle disposizioni previste dalla Legge 287/1990 contro la concorrenza sleale e dalla Legge sul diritto d’autore. I documenti da noi messi a disposizione non possono essere riprodotti né resi accessibili a terzi senza il nostro consenso. Può esserne richiesta la restituzione da parte nostra in qualsiasi momento e senza giustificazioni. Il cliente è tenuto a riconsegnare tali documenti di propria iniziativa, qualora il contratto non giunga a conclusione.

15. Assistenza e manutenzione

15.1 I servizi di assistenza e manutenzione forniti da KYMA sono messi in conto in base ai prezzi contrattualmente stabiliti. In caso di rinnovazione tacita del contratto i prezzi sono automaticamente adeguati all’intera variazione riportata dall’indice ISTAT per i lavoratori dipendenti (FOI) rispetto al mese precedente a quello in cui il contratto è stato concluso.

In caso di tacito rinnovo del rapporto contrattuale, ci dovessero essere modifiche del sistema o adeguamenti dei servizi al progresso tecnologico rispetto all’anno precedente, KYMA ha la facoltà di adeguare il prezzo dei rispettivi servizi per gli anni seguenti. In questo caso il Cliente ha la facoltà di recedere dal contratto entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione ossia della fattura, comunicandolo in forma scritta a KYMA. Le prestazioni fornite fino alla cessazione del contratto saranno messe in conto proporzionalmente in base al prezzo dell’anno precedente, fermo restando l’adeguamento all’inflazione.

15.2 A prestazioni, per le quali non è stato stipulato alcun contratto, viene applicata la relativa tariffa oraria.

16. Legge applicabile e foro competente

16.1 Per controversie aventi ad oggetto contratti conclusi con KYMA, che derivino da tali contratti o che siano comunque a essi connesse, il foro esclusivamente competente è Bolzano.

16.2 Tutti i contratti stipulati con i nostri clienti sono soggetti al diritto italiano. L’applicazione dell’UNCITRAL – Accordo delle Nazioni Unite per il diritto commerciale internazionale viene esclusa di comune accordo.

16.3 Qualora determinate disposizioni delle presenti condizioni di fornitura e vendita vengano dichiarate inefficaci interamente o in parte, ciò non influisce sull’efficacia e la validità delle restanti disposizioni.